Pages

sabato 27 giugno 2020

Diario da Ustica

STRAGE DI USTICA: la notte del 27 giugno 1980, il Dc9 Itavia Bologna – Palermo si inabissò nel Mediterraneo. Morirono 81 persone. Dopo quarant’anni, la strage più grave della storia della democrazia è ancora senza responsabili.

Caro diario sono felice, oggi è il 26 giugno 1980 e sono stata promossa. EVVIVA!!!!! (ho tredici anni) Mamma e Papà sono molto orgogliosi di me, mi hanno promesso da mesi che il loro regalo per la promozione sarà portarmi con loro in Sicilia. EVVIVA!! Ce l'ho fatta e non vedo l'ora di fare il mio primo viaggio in aereo, anche per i miei genitori è la prima volta. Oggi ho telefonato a mia cugina a Palermo, le ho detto che fra qualche giorno ci vedremo, anche la nonna è contentissima e non vede l'ora, ed anch'io sono impaziente di fare questo viaggio. 
Caro diario oggi 26 giugno 1980 c'è stato un cambiamento nel programma. La mamma ha detto che siccome non ha trovato posto in aereo, partono solo loro due con la speranza di poter trovare due biglietti, promettendomi un nuovo regalo al ritorno. UFFA!!! Non è giusto! Sono arrabbiatissima! Non voglio un altro regalo. Ho pianto tutto il pomeriggio, ma le mie lacrime sono servite solo a far partire la mamma molto triste. Le sue parole per consolarmi sono state: "tu devi badare alla famiglia perché sei la più giudiziosa". UFFA! Mamma mi ha tradita, non è stata di parola. Non si fanno promesse se poi non si mantengono. Io voglio il regalo promesso. Voglio volare con Mamma e Papà. 
Oggi 27 sono partiti, nel pomeriggio hanno telefonato per dire che l'aereo partiva in ritardo, volevano parlare con me, ero così arrabbiata che non sono andata al telefono. 
Caro diario oggi 28 giugno 1980 non crederai a quello che ti dirò ora: la Mamma e il Papà non hanno ancora telefonato per dire che sono arrivati. Qui sono tutti agitati. Non credo a quello che sento, dicono che l'aereo è scomparso!! NO! Non è possibile, non può succedere niente di brutto ai miei genitori. Io sono la piccola di casa. Ma perché a casa nostra c'è sempre il dottore e mi mandano sempre a comprare la camomilla? Perché i miei fratelli e mia sorella piangono sempre? Perché la TV fa vedere sempre quelle immagini nel mare? Sono tutte finte, come dice sempre la Mamma! Se potessi sentirla al telefono la Mamma mi tranquillizzerebbe. Mi sento morire. I miei fratelli sono partiti a cercare Mamma e Papà. Sono due giorni che tengo le dita incrociate, qui sono tutti disperati, ma io no, perché so che Mamma e Papà torneranno molto presto. C'è un via vai di parenti, amici che ci opprimono, piangono. Non sanno che lo fanno inutilmente, perché non è vero niente, Mamma e Papà torneranno da me, perché non lascerebbero mai la propria piccola qui sola. I miei genitori mi vogliono troppo bene per abbandonarmi. Tornate presto vi prego. 
Caro diario mi stanno facendo credere a questa realtà, ma io tengo forte le mie dita incrociate, quello che sto passando non te lo so descrivere. Mi riempio di pizzicotti per svegliarmi da questo incubo che non finisce mai. Papà, Mamma dove siete andati a finire? Perché mi lasciate così sola... In famiglia c'è tensione, non so più se chiamarla famiglia, ora non è rimasto niente della mia meravigliosa famiglia. Solo il dolore regna fra noi e fa continuare i nostri giorni. Oh Dio, che sta succedendo a noi tutti? Perché hai voluto questo? Chi ha voluto e permesso tutto questo? Perché delle persone fanno queste cattiverie? Perché devono esistere questi sbagli e far soffrire così la gente? 
Caro diario oggi sono andata nella casa dove ero così felice con i miei genitori. E' così vuota, spoglia, lugubre ed ho cominciato a sognare ad occhi aperti. Vedo Mamma e Papà scendere dall'autobus con delle grandi valige, entrare in casa, salire le scale ed io precipitarmi ad abbracciarli! Oh Signore ti ringrazio!! Non mi stacco più da loro, non mi voglio più svegliare, portatemi via con voi vi prego. Ho pianto tanto, tanto, urlato più forte che potevo, avrei voluto farli scendere da quel maledetto aereo che me li aveva portati via. Sono stanca, nauseata, ho paura che impazzirò o forse pazza lo sono già. Vorrei farla finita. Mamma, Papà perché non mi avete portato via con voi? Io non riesco più a vivere! 
Caro diario sono stra stufa, non ce la faccio più, ora ti saluto, vado a dormire, spero che i miei sogni mi portino via con loro. 
Anno 1990. Da quel triste momento di dieci anni fa tutti mi hanno sempre detto che ero fortunata ad essere così piccola e che quindi non soffrivo più di tanto, ma non sanno che quando la speranza muore la vita non ha più senso. Quella bambina è cresciuta, ora ha ventitré anni, ed ancora non sa che senso dare a questa sua sofferenza. 

Linda Lachina (Giulia Reina e Giuseppe Lachina, 50 e 57 anni, avevano quattro figli. Elisabetta il 27 giugno del 1980 aveva 18 anni, insieme a sua sorella Rosalinda che aveva appena fatto l’esame di terza media e avrebbe compiuto 14 anni pochi giorni dopo. Ivano, il fratello più grande, era in vacanza sul Gargano, mentre Riccardo, il secondogenito, era fuori con gli amici).

domenica 24 maggio 2020

23 maggio: giornata della legalità

“E’ importante parlare di mafia, soprattutto nelle scuole, per combattere contro la mentalità mafiosa, che è poi qualunque ideologia disposta a svendere la dignità dell’uomo per soldi. Non ci si fermi però ai cortei, alle denunce, alle proteste. Tutte queste iniziative hanno valore ma, se ci si ferma a questo livello, sono soltanto parole. E le parole devono essere confermate dai fatti.” 
(don Pino Puglisi)

Il patrimonio dei beni confiscati alla mafia 

Ogni anno in Europa il patrimonio confiscato in termini di beni immobili ammonta a circa 4 miliardi di euro. Nel solo 2014 il valore delle confische di patrimoni nelle sole Italia, Francia, Spagna, Germania e Regno Unito è stimabile in 2 miliardi di euro, con l’Italia primo Paese europeo con il 50% dell’intero patrimonio confiscato.
In Lombardia risultano 1.779 beni in gestione, dei quali 1.203 adibiti a unità abitativa e 219 con destinazione commerciale o industriale; per quanto riguarda le aziende confiscate, in Lombardia risultano 263 aziende in gestione delle quali 132 confiscate in via definitiva. La maggior parte dei beni si trova nella provincia di Milano, che registra più della metà del totale regionale degli immobili confiscati, seguita dalle province di Brescia, Monza-Brianza, Como, Lecco e Pavia, con presenze minoritarie nelle altre province lombarde. La Lombardia si posiziona al sesto posto su scala nazionale per numero di beni immobili confiscati dopo Sicilia, Campania, Calabria, Lazio e Puglia, come evidenziato dal rapporto 2017/2018 dell’ANBSC, l’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

Presenza della 'ndrangheta per provincia di Milano

'ndrangheta in provincia di Milano (2018); 
in blu le locali accertate, in arancione la presenza di 'ndrine

venerdì 27 marzo 2020

Primo consiglio comunale per Debora Comito

Il consiglio comunale dell'11 Marzo ha visto l'ingresso tra le fila di Vivere Cernusco di Debora Comito, che prende il posto di Fabio Colombo: di seguito il discorso di ingresso nell'organo cittadino.
In bocca al lupo Debora!

Non nascondo la mia grande emozione nel rivestire il ruolo di consigliere di una città a cui sono molto legata; una città che tantissimi anni fa’ mi ha saputo accogliere e che è diventata casa; mi ha offerto delle opportunità di crescita sia nel campo lavorativo che nel sociale ma soprattutto una città che mi ha fatto sentire parte di un tessuto sociale e relazionale in cui ho potuto costruire legami assieme a persone che, come me, credono in una città attiva, viva e bella come Cernusco sul Naviglio.
Citerò alcune “parole” che saranno fondamentali per il mio lavoro come consigliere.
"Grazie"
Un grazie molto speciale è per Fabio Colombo che in questi anni ha saputo trasmettermi la passione per una politica vera, fatta di persone e non di parole, che ha saputo mostrare una capacità di attenzione e sensibilità sui temi più delicati portando preziosi contributi che per me sono sempre stati risorse e ricchezze. Un passaggio di testimone degno di stima e di ispirazione.
Un grazie, non meno importante, è rivolto a Vivere Cernusco che mi fa sentire costantemente parte di un gruppo in cui la Politica è rivolta al benessere delle persone, alla legalità, al bene comune; un gruppo che mi sostiene e mi accompagna sia nel mio percorso di cittadina attiva e sia in questo momento come consigliere comunale, per cui grazie per la grande fiducia.
"Opportunità"
L’opportunità di sapersi confrontare e scontrare su tematiche che alcune volte possono avere visioni e opinioni diverse ma che devono sempre porre l’attenzione al bene comune o non personale; questo ruolo favorisce opportunità di dialogo, quel dialogo che è necessario per la costruzione di idee e di azioni propositive, ma deve essere un dialogo costruttivo che deve contribuire sempre alla crescita della nostra comunità.
"Servizio"
Questo ruolo mi richiama a lavorare in sinergia con l’intero Consiglio Comunale per condurre l’attenzione e l’operato dell’Amministrazione verso i bisogni dell’intera comunità cittadina sottolineando i valori di civiltà,di trasparenza e legalità.
"Responsabilità"
Il lavoro di Consigliere richiede grande responsabilità e per questo ritengo importante mettersi in ascolto di chi ha tanta esperienza nell’ambito politico e amministrativo facendo tesoro dei loro saperi. Occorre avere responsabilità verso le decisioni da prendere dando il giusto valore alle parole ma soprattutto alle persone. La responsabilità richiama nella persona una modalità di lavoro che opera con un pensiero critico delle cose, allontanando azioni banali e superficiali.
"Coerenza"
L’essere coerente con le proprie idee, i propri valori e il proprio agire richiede impegno e determinazione ma le azioni devono rispecchiare chi siamo. Il ruolo di consigliere mi chiama ad essere coerente su chi rappresento oggi in quest’aula, sia da un punto di vista politico che da un punto di vista morale e civico.
Mi auguro di svolgere al meglio il ruolo che oggi assumo lavorando con passione e impegno. Cercherò di dare il mio contributo in termini di professionalità e dedizione perché la politica attenta è fatta di persone attente e autentiche che pongono lo sguardo sull’altro mettendo al centro il bene della propria città e dei propri cittadini.
Nella foto la prima votazione a cui ha partecipato Debora, nell'aula contingentata dalle misure per il Coronavirus, insieme al sindaco Ermanno Zacchetti.

martedì 17 marzo 2020

Ultimo consiglio comunale per Fabio Colombro

DIMISSIONI DA CONSIGLIERE - DICHIARAZIONE

Carissimi concittadini, egregio signor Sindaco, Presidente del Consiglio Comunale, Assessori e colleghi consiglieri.

L’avvicendamento di questa sera mi lascia un pizzico di emozione vista tutta l’acqua passata sotto i ponti (del Naviglio) nei 20 anni che mi hanno visto frequentare quest’aula in diversi ruoli: consigliere di opposizione, capo gruppo, presidente della commissione Territorio, presidente del Consiglio Comunale e ora consigliere di maggioranza.

Correva l’anno 2000 quando, a metà della consigliatura dell’epoca, subentrai ad Angelo Spinelli. Entrai, 32enne, in consiglio con un doppio timore: oltre alla normale preoccupazione derivante da un’esperienza nuova e di responsabilità, si sommava il fatto di dover subentrare ad Angelo Spinelli uno dei politici/amministratori più capaci e apprezzati della città (non a caso quest’aula porta il suo nome) nonché una vera e propria colonna di Vivere Cernusco; mi sentivo addosso la pressione di tutto ciò che ho appena descritto visto che ero piuttosto digiuno di vicende amministrative, avevo solo esperienza di impegno in oratorio e di volontariato in parrocchia.
Dirò di più: quando due anni prima alcuni esponenti di Vivere Cernusco (tra cui lo stesso Angelo) mi contattarono proponendomi di candidarmi alle successive elezioni consideravo la politica una cosa lontana da me ma accettai perché ammiravo le persone che mi proponevano il grande passo.

Entrai dunque in Consiglio, all’opposizione, e da quel momento mi calai nel ruolo spero adeguatamente, in ogni caso mettendomi in gioco con serietà.
Ho vissuto momenti politicamente anche molto esaltanti e di grande soddisfazione: fra tutti cito il periodo che definisco magico legato alla vittoria del primo mandato Comincini e successivamente la stesura del PGT nel quale mettemmo molto della nostra idea di politica, di qualità della vita e di rispetto dell’ambiente nel quale viviamo.

Entrai in consiglio in splendida forma, sposato da poco, con ancora tutti i capelli, quando c’era ancora la lira, il cellulare poco diffuso, l’iphone non esisteva, nell’anno del millennium bug e del Giubileo.
Oggi lo lascio con un po’ di pancetta e pochi capelli, con 3 figli alle superiori, dopo 5 consigliature e 4 diversi sindaci, con l’euro saldamente nella nostra quotidianità, la tecnologia pervasiva e invadente in ogni ambito della vita e in un clima da coprifuoco causato dall’emergenza Covid19 (al secolo Coronavirus) e dalle distanze accorciate dalla globalizzazione.

Da oggi, per tutto quanto detto con un po’ di magone ma con piacere metto in atto ciò che era usanza di Vivere Cernusco per consentire la più ampia partecipazione alla vita pubblica e che mi ha consentito di fare questo splendido viaggio durato 20 anni.
Da oggi tocca a te, Debora: a te va tutta la mia stima per esserti messa in gioco e il mio augurio affinchè tu possa dare il tuo contributo per il bene della nostra città e possa divertirti e raccogliere soddisfazioni come è capitato a me.

Ringrazio tutti i dipendenti e i dirigenti del comune che mi hanno sempre supportato e sopportato, con alcuni di loro si è instaurato un rapporto che va oltre la semplice collaborazione politicodipendente comunale.

Ringrazio tutti i consiglieri di opposizione e maggioranza con cui ho percorso un pezzo di cammino, a volte anche nella dura dialettica politica, ma sempre nel rispetto personale.
Ringrazio gli assessori e i sindaci che hanno ascoltato le mie istanze e proposte o subito le mie ‘invettive’ o interrogazioni.
Ringrazio tutti i cittadini che per 5 elezioni consecutivamente mi hanno dato fiducia e consentito di rappresentarli in consiglio comunale.

A voi che restate in quest’aula buon proseguimento della vostra opera e l’augurio di agire sempre per il bene della città. Arrivederci!

Fabio Colombo, Vivere Cernusco

Consiglio Comunale del 11 marzo 2020