Pages

giovedì 19 dicembre 2013

VIVERE Cernusco contro l'emendamento che favorisce il gioco d'azzardo e penalizza i comuni virtuosi

Nella giornata di ieri il Senato ha votato, all'interno del decreto "Salva Roma", un emendamento presentato dalla senatrice Federica Chiavaroli (Nuovo Centro Destra), che penalizza con minori trasferimenti i comuni che dovessero mettere in essere provvedimenti per limitare la diffusione e l'utilizzo del gioco d'azzardo e delle slot machine. La logica alla base dell'emendamento, passato con i voti della maggioranza, è quello che una minora entrata per l'erario statale dovuta a restrizioni al gioco dovrà essere posta a carico delle finanze locali.

Il gioco d'azzardo, al pari del tabagismo e dell'alcolismo, è un comportamento legale che mette a forte rischio sociale chi lo mette in atto, provoca dipendenza e ha ripercussioni molto gravi sulla comunità. I costi indiretti del gioco non si esauriscono nella sfera individuale, ma coinvolgono la famiglia e i comuni di residenza. Si tratta di un comportamento che, è vero, porta ingressi economici allo Stato, ma che andrebbe fortemente limitato e ridotto.

In questo senso l'amministrazione di Cernusco sul Naviglio, con delibera di Giunta dello scorso febbraio, ha aderito al Manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d'azzardo ed ha invitato tutti i Consiglieri Comunali a farsi promotori della raccolta firme per la presentazione di una legge di iniziativa popolare contro la ludopatia.

Oggi VIVERE Cernusco appare esterrefatta dalla decisione del Senato di colpire i comuni virtuosi che agiscono nel senso della tutela dei cittadini, mentre ancora una volta si scaricano sulle finanze locali, già più volte martoriate e colpite a suon di leggi di stabilità e tagli lineari, le responsabilità economiche che il Governo centrale non è in grado di gestire.

Mentre ci stavamo apprestando a preparare una mozione da presentare in Consiglio Comunale per chiedere al nostro Sindaco di farsi portavoce per la cancellazione della norma, abbiamo appreso, con sollievo, dalle parole dello stesso Eugenio Comincini che il Senato sta provvedendo ad approvare un ordine del giorno volto a ridurre l'impatto dell'emendamento e a rafforzare il lavoro dei comuni.

VIVERE Cernusco condanna l'atteggiamento superficiale con cui i senatori hanno approcciato il tema e la consuetudine di colpire economicamente i comuni, che, sempre di più, si rivelano essere le istituzioni più vicine ai cittadini.

venerdì 13 dicembre 2013

Giordano Marchetti: "Facciamo chiarezza sulla questione dell'ampliamento del Centro Commerciale Carosello"

Abbiamo chiesto a Giordano Marchetti, assessore al Territorio del Comune di Cernusco sul Naviglio, di fare chiarezza rispetto alle voci che da più parti si stanno levando su possibili nuovi insediamenti commerciali nell'area a fianco del Centro Commerciale Carosello.

Qui trovate l'intervista video.


Abbiamo provato a sintetizzare alcuni passaggi fondamentali:


D: Perché si è arrivati a parlare dell'area a ovest del Centro Commerciale Carosello?

R: Alcuni consiglieri del Comune di Carugate hanno montato una questione che allo stato attuale non ha ancora nessuna concretizzazione rispetto alla ventilata ipotesi di ampliamento del Centro Commerciale Carosello

D: Di quale area stiamo parlando?

R: Si tratta di un'area di 39.000 mq interclusa dalla Tangenziale Est, dall'area destinata a cava e dal parcheggio del Centro Commerciale e che il nostro Piano di Governo del Territorio (PGT) ha individuato come area agricola.

D: Cosa prevedeva il Piano Regolatore (PRG) del 2002? E cosa prevede ora il PGT?

R: Il PRG approvato nel 2002 prevedeva su quell'area un Piano di Lottizzazione (PL4) commerciale / industriale per circa 13.000 mq di edificato. L'allora Sindaco Paolo Frigerio ipotizzava addirittura su quell’area la possibilità di costruire una multisala cinematografica. La Regione Lombardia nell’approvare il PRG chiese però lo stralcio di quell’area perché ricadente all’interno dei confini del Piano Cave Provinciale. Si badi bene: stralcio non cancellazione. E così quell’area, dal punto di vista urbanistico non assunse alcuna destinazione specifica e venne raffigurata come “area bianca”. Nel 2006 la Provincia, nel redigere il nuovo Piano Cave, decise di escludere quell'area dal Piano Cave ridando così al Comune la possibilità, attraverso una variante al PRG, di definire su quell’area una precisa destinazione urbanistica. Con l’entrata in vigore della legge regionale che obbligava i Comuni a redigere nuovi Piani di Governo del Territorio (PGT) in sostituzione dei PRG, la nostra Amministrazione decise di dare a quell'area la destinazione “agricola”. Avremmo potuto fare scelte in continuità con il vecchio PRG e mantenere la destinazione commerciale / industriale (visto che nel frattempo erano caduti tutti i vincoli) ma, consci della collocazione di quell’area posta a ridosso di un centro commerciale e di una tangenziale, abbiamo ritenuto dare una destinazione diversa cosi che a fronte di un’eventuale futura richiesta di cambio di destinazione d’uso urbanistico fosse condivisa con i comuni limitrofi e gli enti superiori come Provincia e Regione.

D: Sono arrivate osservazioni su quell'area al momento della adozione del PGT?

mercoledì 11 dicembre 2013

RIGENERAZIONE DELLA POLITICA: Quando il Cambiamento è donna

L'Associazione Umberto Ambrosoli organizza tre giornate di lavoro e riflessione sul ruolo delle donne in politica.
Alla prima giornata parteciperà anche Mariangela Mariani, capogruppo di VIVERE Cernusco in Consiglio Comunale. L'appuntamento è per il 20 dicembre, chi volesse partecipare può iscriversi qui.

sabato 7 dicembre 2013

giovedì 5 dicembre 2013

Nuova adesione a CIVES: con "Brugherio è tua" sono 9 le liste che aderiscono al coordinamento

CIV.E.S. (CIViche Ecologiste e Solidali) è un gruppo di lavoro creato da alcune Liste Civiche della zona ad est di Milano che va dalla Martesana all’Adda, che condividono  i valori della solidarietà, della partecipazione e della difesa dell’ambiente non sono riconducibili a partiti. 
Con l’ingresso di Brugherio è Tua, le Liste associate in CIV.E.S. sono diventate nove, su un territorio di oltre 200.o00 abitanti e con un risultato elettorale medio di oltre il 9%.

Altre liste sono in procinto di aderire, così come nuovi progetti stanno per essere lanciati per il 2014, per far ripartire la politica dal basso, dai problemi locali, dai cittadini.
Nel frattempo è stato aperto un nuovo sito per far conoscere questa esperienza:
http://www.civichestmilano.net/

mercoledì 20 novembre 2013

Anche Sinistra per Cernusco si unisce alla richiesta di VIVERE di cambio nome per piazza Padre Giuliani

Ecco il comunicato di Sinistra per Cernusco in risposta alla richiesta avanzata da VIVERE Cernusco sull'ultimo numero di Futura:

È un paese strano quello in cui si sollevano dubbi sul fatto che don Reginaldo Giuliani, che da prete prese parte alla marcia su Roma, sia stato effettivamente un fascista, o nel quale si pensi di fare memoria e Storia mantenendo nella toponomastica nomi imbarazzanti (di solito le vie e le piazze sono dedicate ai meritevoli), o, ancora, in cui si cerca di fare pari e patta tirando in ballo genericamente i totalitarismi per continuare a non fare i conti con il totalitarismo autenticamente made in Italy, quel fascismo le cui malefatte furono perpetrate in Italia, in Europa e anche in Africa. Proprio in Africa si concluse la parabola di padre Giuliani, torinese di nascita, che morì nel corso di un combattimento, evenienza che, per la verità, ben poco si addice a un uomo di Chiesa.

Sinistra per Cernusco si unisce allo sconcerto per l’articolo di Vivere Cernusco, che dimostra comunque come nella nostra città l’antifascismo sia solido e vigile, a dispetto di isolate critiche che, in alcuni casi, sono sfociate in inaccettabili e incivili attacchi personali, soprattutto in rete. Auspichiamo che intorno al tema dell’intitolazione di una piazza così centrale e simbolica, anziché polemiche da stadio si sviluppi una seria riflessione e un percorso comune che coinvolga le forze democratiche e la cittadinanza.

Sinistra per Cernusco

venerdì 8 novembre 2013

Anche l'ANPI con VIVERE Cernusco nel togliere il nome di Padre Giuliani dalla piazza del centro

Da Cernusco in Folio di oggi ecco la dichiarazione dell'ANPI di Cernusco sul Naviglio sulla proposta di VIVERE Cernusco di intitolare piazza Giuliani, cappellano fascista, al Cardinal Martini:
Ieri (mercoledì) a prendere posizione è la sezione cittadina dell’Anpi: «Apprendere che una piazza della città è dedicata a un cappellano delle camicie nere non solo ci ha sconcertato, ma altresì indignato. Va esattamente nel senso opposto rispetto al lavoro che da anni svolgiamo nella conservazione e nella trasmissione della memoria della Resistenza, nonché nella valorizzazione dei luoghi significativi della storia partigiana locale. Pertanto, condividendo l’assunto che i luoghi pubblici debbano portare nomi di esempi alti di vita e di cittadinanza, facciamo nostra la proposta di Vivere di avviare un percorso per il cambio di denominazione della piazza. L’occasione per un serio approfondimento su quelle che furono le nefandezze del colonialismo fascista in Africa, per anni rimosso o edulcorato».

mercoledì 6 novembre 2013

Comuni e crisi del lavoro. Cosa possono fare i comuni?

I comuni si trovano nella triste situazione di non avere deleghe e risorse da dedicare al tema del lavoro e, allo stesso tempo, sono la prima, e a volte unica, istituzione che prova a rispondere alle esigenze di chi si trova in difficoltà economica. Negli anni questo sostegno si è configurato spesso come aiuto socio-assistenziale: contributi una tantum, sostegno nel pagamento di affitti o bollette, agevolazioni o esenzioni sulle tariffe dei servizi comunali... Esistono però alcune azioni concrete che i comuni possono, e sempre più devono, mettere in atto per aiutare a superare la difficoltà impellente, provando a spingere verso un rientro nel mondo lavorativo.
Queste misure sono state presentate da VIVERE Cernusco lo scorso giugno in occasione di un incontro pubblico dedicato alla crisi del lavoro, e in particolare alla crisi Nokia-Siemens, che colpisce molte famiglie del nostro territorio.
In primo luogo un comune deve occuparsi degli esclusi, dei più deboli, promuovendo l’introduzione delle clausole sociali negli appalti pubblici, e utilizzando l’articolo 5 della legge sulla cooperazione sociale. Può inoltre implementare politiche attive che prevedano percorsi di orientamento, affiancamento e reinserimento, a patto di monitorare attentamente i risultati, per non finanziare percorsi inefficaci.
I comuni sono anche datori di lavoro, dando in appalto molti servizi, dall’assistenza educativa scolastica alla gestione delle mense. È loro compito curare la qualità degli appalti, anche negli aspetti contrattuali che regolano i rapporti tra aziende o cooperative vincitrici e dipendenti, in modo da non creare “bad jobs”. Rispetto alla disoccupazione giovanile, che tocca in Italia cifre drammatiche, c’è la necessità di favorire chi ha idee ma non risorse. Servono spazi per il lavoro condiviso, per l’imprenditoria giovanile e - perchè no? - incentivi e bandi per sostenere la nascita di nuove attività, anche artigianali.
Infine il passaggio più importante deve avvenire nei confronti del territorio. Là dove sorgevano aziende e capannoni deve permanere una vocazione lavorativa; bisogna rifiutare con forza ogni tentativo di commutare luoghi dedicati al lavoro con speculazioni edilizie rivolte all'abitare. Solo così si porranno le basi per una ripresa locale. A Cernusco molte di queste azioni trovano già casa, a partire da un Piano di Governo del Territorio che tutela le aree produttive. Alcuni passi vanno ancora fatti, da un Servizio per l’Inserimento Lavorativo integrato con i comuni limitrofi ad azioni di sostegno alle giovani idee.

lunedì 4 novembre 2013

Legalità è responsabilità, e ci riguarda tutti (di Fabio Colombo)

Riprende la buona consuetudine, inaugurata con il primo mandato della nostra Amministrazione (PD-Vivere Cernusco-Sinistra per Cernusco), di proporre alla città un percorso sulla legalità organizzato in collaborazione con singoli e associazioni. Il nuovo ciclo di iniziative è cominciato venerdì 11 ottobre con la presentazione del libro “La democrazia dei corrotti” di Walter Mapelli (sostituto procuratore di Monza) e Gianni Santucci (giornalista de Il Corriere della Sera). Gli autori hanno raccontato cosa li ha spinti a scrivere il libro, la convinzione che, a 20 anni da “Mani pulite”, la corruzione sia tuttora viva e vegeta, un fenomeno finanziariamente ben più imponente rispetto a quanto indagato dai giudici del pool di Milano negli anni ‘90.

Al termine, grazie alla collaborazione e sponsorizzazione del Comitato Soci Coop Vignate, si è gustato un “aperitivo della legalità” con i prodotti di Libera, provenienti dalle terre confiscate alla criminalità organizzata. Ho deciso di proporre questo evento all’assessore Zecchini, contattando personalmente gli autori e collaborando attivamente con gli uffici per organizzarlo, perchè penso che, oltre alla Giunta, anche il Consiglio Comunale ed il suo Presidente (ruolo che oggi ricopro) debbano promuovere iniziative di questo respiro, su una tematica come la legalità, trasversale e cruciale, non di parte e, soprattutto, che riguarda tutti i cittadini, a tutti i livelli e a tutte le età. Il percorso continuerà con altri eventi organizzati dall’amministrazione con le associazioni cittadine che aderiranno. Si valuterà con i dirigenti scolastici anche la possibilità di proporre qualcosa di specifico per le scuole.


giovedì 31 ottobre 2013

Dalla primavera 2014 partirà la riqualificazione del Bosco del Fontanile

Villa Greppi ha vinto un bando di Fondazione Cariplo che mette a disposizione del Comune 110.000 euro per riportare a nuove vita il Bosco del Fontanile Lodi (meglio noto come “bosco del legionario”), situato a nord-ovest della città tra Cernusco e Brugherio, che oggi si trova in uno stato non soddisfacente. Attraverso l’intervento, il cui costo complessivo è di circa 160.000 euro (i restanti 50.000 euro li metterà il Comune), si punta ad incrementare il numero delle specie autoctone e di ridurre quelle esotiche, creare le condizione affinché ci sia un aumento di animali (insetti, uccelli e piccoli mammiferi), di cibo a loro disposizione e a rendere il bosco maggiormente fruibile da parte dei cittadini.

L’area boschiva esistente, che fa parte del Parco Est delle Cave e che si estende per 101.000 metri quadrati, è oggi il risultato di alcuni interventi aggiuntivi effettuati dagli anni ’80 e 90’ quando sono state piantumati degli alberi non idonei all’ambiente naturale circostante (come il castagno, per esempio) ed in numero molto maggiore rispetto alla superficie complessiva disponibile determinando così uno cattivo sviluppo del bosco. Ecco perché tra gli interventi previsti ci sarà anche il taglio selettivo delle specie non compatibili e la piantumazioni di sole specie autoctone certificate.
Si interverrà anche nel sottobosco con sfalci, decespugliamenti ed eliminazione delle rampicanti per permettere alle giovani piantine di crescere facilmente. Sono previsti anche azioni in favore della fauna con la ricostituzione di ambienti idonei per trovare cibo, per nidificare ed in cui rifugiarsi. 
I visitatori, inoltre, potranno contare su 1.000 metri di percorsi che saranno ripristinati e dotati di pannelli illustrativi con le caratteristiche della flora e della fauna. Tutto l’opera di riqualificazione vedrà il coinvolgimento degli agricoltori locali, delle associazione e dei cittadini.

“Sono ovviamente molto soddisfatto del risultato raggiunto – ha affermato il Vicesindaco e Assessore al Territorio Giordano Marchetti – perché ci permetterà di riqualificare una delle aree naturali della nostra città più cara ai cernuschesi. Il consistente finanziamento da parte della Fondazione Cariplo è sicuramente frutto del buon lavoro fatto nel predisporre il progetto e di questo devo ringraziare tutti i tecnici che hanno contribuito alla sua elaborazione. Nel mio ruolo di Assessore alla Gestione del Territorio – ha proseguito – mi sono personalmente speso, anche incontrando i rappresentanti di Fondazione Cariplo, affinché questo progetto avesse le risorse per essere realizzato. Si tratta – ha concluso Marchetti – di un ulteriore passo verso la riqualificazione di quella grande area verde ad ovest della città che fa parte del Parco delle Cave”. L’inizio dell’intervento, che durerà tre anni, è in programma per la prossima primavera e sarà possibile seguire on line lo stato di avanzamento dei lavori.

mercoledì 30 ottobre 2013

Padre Giuliani, un cappellano in camicia nera. Cambiamo il nome della piazza

Lo scorso mese di settembre abbiamo ricevuto una e-mail che ha costituito lo spunto per una scoperta a dir poco sconcertante. Nella centrale Piazza Padre Giuliani, come ci è stato ricordato nella lettera, è stata di recente posta una targa in ferro con la denominazione della stessa in cui, sotto Padre Giuliani, viene specificato “Cappellano Militare – Medaglia d’Oro al valor militare”. Un nostro amico, notandola, ha allora pensato: vuoi vedere che si tratta proprio di quel Reginaldo Giuliani, Domenicano torinese, ma anche fascista della prima ora, morto durante la guerra d’Etiopia? Se è così, proprio non si capisce come la revisione toponomastica avvenuta dopo la fine del fascismo abbia lasciata intatta questa denominazione. Forse nella Cernusco dell’epoca nessuno ha avuto il coraggio di farlo perché si trattava di un sacerdote? La lettera si chiudeva con la richiesta di verificare che si trattasse davvero di quel Padre Giuliani e, nel caso, di riparare, anche se tardivamente, alla cosa, dedicando la piazza a qualcuno che si fosse distinto nel promuovere i valori della pace e della tolleranza.
Come richiesto, abbiamo verificato, fatto le ricerche necessarie e abbiamo scoperto che non si tratta di un caso di omonimia: la piazza adiacente a quella intitolata a una vittima del fascismo (Matteotti) è proprio dedicata a questo sacerdote, che voleva evengelizzare gli infedeli abissini a colpi di moschetto.
Dai testi che riportano la vita di Padre Reginaldo Giuliani si scopre che, nel corso della Prima Guerra Mondiale si distinse come Ardito e venne decorato. Prese gli ordini come Domenicano ma questo non gli impedì di essere anche un fervente fascista; partecipò con D’Annunzio alla presa di Fiume e poi alla marcia su Roma. Nel 1935 partì volontario come cappellano delle Camicie Nere nella guerra contro l’Etiopia. Qui spesso combattè in prima linea e morì durante la battaglia di Passo Uarieu, colpito mentre soccorreva un compagno ferito; per questo venne insignito dal Duce di Medaglia d’Oro al valor militare. Nel libro di Angelo Del Boca “Gli italiani in Africa Orientale” si trovano riportati alcuni suoi scritti, intrisi di fascismo e razzismo nei confronti degli abissini. Noi che, come molti altri, pensavamo ingenuamente che piazza Padre Giuliani fosse dedicata a uno dei tanti missionari cernuschesi, vorremmo a questo punto riparare al fatto che questo luogo centrale della nostra città sia intitolato a un sostenitore del fascismo.

Proponiamo quindi all’Amministrazione comunale di dedicare l’attuale Piazza Padre Giuliani a un religioso che nella Chiesa si è distinto come uomo della pace e del dialogo: il cardinale Carlo Maria Martini, del quale è appena ricorso il primo anniversario dalla morte. A lui, “cardinale del dialogo”, aperto al confronto con altre religioni, dall’Islam all’Ebraismo, a lui che istituì la “cattedra dei non credenti” e che, nella Milano di cui fu a lungo arcivescovo, rappresentò un faro non solo religioso ma civile, vorremmo fosse dedicata la piazza. Una piazza che così, anche idealmente, collegherebbe quella del Municipio a quella della Chiesa Prepositurale, i due maggiori riferimenti civili e religiosi per la comunità di Cernusco, a simboleggiare, nel nome di Martini, un percorso che parla di dialogo e rispetto, pur nella distinzione dei ruoli. Ci piacerebbe che questa nostra proposta fosse sostenuta da tutte le forze politiche, ma anche dalle realtà ecclesiali e da tutte le associazioni (ANPI, ACLI, e non solo) che da sempre si spendono per una cultura di pace e per tenere viva la memoria.

lunedì 28 ottobre 2013

Campagna in città: nuove aree comunali agli agricoltori

Come ha ricordato in tante occasioni il nostro Giordano Marchetti, illustrando le scelte del Piano di Governo del Territorio, l’agricoltura urbana di Cernusco rappresenta una positiva eccezione nello scenario agricolo del Milanese e questa positività va salvaguardata e incentivata: nella nostra città troviamo molte realtà, attive principalmente nel settore dell’orticoltura, con punte di eccellenza legate alla qualità del prodotto, alla capacità di mantenere una produzione diversificata, a consolidate esperienze di coltivazione biologica. Nel Piano di Governo del Territorio sono previste azioni a sostegno di queste attività perché viene ad esse riconosciuto un ruolo di interesse generale: la salvaguardia e la cura del territorio.

Una delle azioni previste dal PGT a questo scopo è quella di mettere a disposizione degli agricoltori una serie di aree verdi di proprietà comunale. Il Comune dispone infatti di diverse aree di suolo libero, acquisite nel corso degli anni, che possono essere mantenute verdi e curate, anche se non necessariamente nella forma di parco. È di questi giorni la delibera di giunta che assegna, attraverso una nuova convenzione, oltre 400.000 mq di queste aree comunali agli agricoltori locali che già avevano in essere patti agrari con il Comune. Nel mese di Novembre verrà invece pubblicato un bando per l’assegnazione di ulteriori 170.000 mq di aree comunali agli agricoltori che ne faranno richiesta.

A fronte di un canone d’affitto, questi terreni potranno essere coltivati dagli assegnatari privilegiando, nella loro attività, le colture biologiche o, in ogni caso, limitando fortemente l’uso di sostanze potenzialmente dannose per l’ambiente. Inoltre attività come la cura dei prati con i relativi tagli dell’erba, progetti didattici in raccordo con le scuole, interventi contro la proliferazione delle zanzare e dell’ambrosia, la manutenzione dei percorsi pedonali limitrofi ai terreni, saranno tra i servizi resi dagli agricoltori alla città in cambio della messa a disposizione di queste aree pubbliche. Le convenzioni avranno la durata di 5 annate agrarie (che iniziano tradizionalmente l’11 novembre, S.Martino), rinnovabili per altre 5 nel caso la gestione abbia avuto una valutazione positiva da parte del Comune. Per merito di una delle scelte innovative contenute nel nostro PGT, a Cernusco l’agricoltura urbana continuerà a mantenere il suo ruolo fondamentale nella tutela del territorio.

venerdì 25 ottobre 2013

Futura di Novembre 2013

E' in distribuzione il numero di Futura di Novembre 2013. Futura è il giornale che VIVERE Cernusco distribuisce gratuitamente in tutte le case per informare delle proposte e delle attività della lista civica al governo di Cernusco.

Nel numero di Novembre si parla di:
- La nascita della Rete del Civismo Lombardo.
- Nuove aree comunali concesse agli agricoltori
- Cosa possono fare i comuni in tema di contrasto alla crisi e alla perdita di posti di lavoro.
- L'avvio del Centro Diurno Integrato per gli anziani.
- Lo sviluppo dell'ospedale Uboldo di Cernusco.
- Reddito di Promozione Sociale, un progetto che compie nove anni.
- Elezione di Roberto Codazzi alla Presidenza della Consulta delle associazioni culturali.
- Legalità e responsabilità, a cura del Presidente del Consiglio Comunale Fabio Colombo.
- Il rientro in Italia dei "boliviani" Daniele Restelli ed Elisa Cappellini e il loro impegno sociale.
- L'"eredità" dell'agricoltore Antonio Corbari raccolta da tre giovani imprenditori.
- Una scoperta sulla persona di Padre Giuliani e la richiesta di cambio di intitolazione della piazza.
- Le attività dell'associazione Futura.

Qui si può scaricare il pdf del numero.

venerdì 18 ottobre 2013

Nasce la Rete del Civismo Lombardo. Noi ci siamo!

Sabato 5 ottobre, a Lecco, si è costituita ufficialmente, con atto notarile, l’Associazione della Rete del Civismo Lombardo. L’atto costitutivo rappresenta il punto d’arrivo di un percorso nato con la candidatura di Ambrosoli alle Regionali dello scorso anno, percorso che ha unito nel sostegno a questa candidatura le tante realtà civiche della nostra Regione, Liste civiche ma anche associazioni e singoli esponenti della società civile. Come ha ricordato spesso Ambrosoli, questo patrimonio di idee, impegno e rinnovamento nell’agire politico non doveva essere disperso dopo la sconfitta, seppur onorevole, alle elezioni regionali.

Ambrosoli ha avuto il grande merito di non fare come tanti esponenti della società civile prestati alla politica, che se ne sono andati dopo aver perso le elezioni; Ambrosoli continua a lavorare dai banchi dell’opposizione in consiglio regionale, restando il riferimento centrale per l’intero schieramento di centrosinistra, con la volontà di portare avanti un progetto di rigenerazione politica che nasce proprio dallo stretto contatto col territorio. un percorso politico che ha l’obiettivo di favorire il coordinamento dell’azione sociale e partecipativa delle tantissime realtà civiche, si tratti di liste oppure di associazioni, attive su tutto il territorio lombardo.

La Rete del Civismo Lombardo si propone come un luogo di cultura civica e politica e opererà in stretto raccordo con il Gruppo consiliare regionale del “Patto Civico - con Ambrosoli Presidente".
Nel Comitato promotore della Rete sono rappresentate Liste, Associazioni e Movimenti civici di tutte le province della Lombardia. Anche Vivere Cernusco ha partecipato alla nascita di questa importante realtà.
Nei suoi quasi 30 anni di vita la nostra Lista ha visto finire la Prima e la Seconda Repubblica, ha visto nuovi partiti nascere, altri mutare o finire. Vivere Cernusco è rimasto fedele ai propri valori di riferimento e, soprattutto, non ha mai dimenticato che la sua forza non è legata a un simbolo di partito, ma al suo radicamento sul territorio, dal suo essere formata da uomini e donne che conoscono bene la loro città, che nella magior parte dei casi sono giunti alla politica come naturale approdo di un impegno speso in altri ambiti (sociale, culturale, sindacale, ambientalista). 

Abbiamo salutato quindi con grande gioia la nascita di questa Rete, perché permetterà a tante realtà già attive - e ad altre che potranno formarsi - di lavorare insieme per una politica nuova, distinti anche se non distanti dai partiti, coi quali è necessario trovare percorsi condivisi, in un’ottica però di reale rinnovamento del fare politica. E quello che, nel nostro piccolo, abbiamo sempre cercato di fare in questi 30 anni, che Vivere compirà nel 2014. Citando Jannacci, 30 anni …senza andare fuori tempo!

M.Angela Mariani, Capogruppo di Vivere Cernusco - Donato Scotti, Presidente di Vivere Cernusco

giovedì 17 ottobre 2013

Non ci saranno trivelle, per il momento, in Martesana

Paolo Micheli, consigliere regionale de Patto Civico e membro, con Segrate Nostra, della rete CIVES delle liste civiche della Martesana che comprende anche VIVERE Cernusco, aveva interrogato la Regione rispetto le notizie di prossime trivellazioni previste nel piano "Melzo". Ecco la risposta:

«Il programma dei lavori di ricerca “Melzo” è suddiviso in due fasi delle quali la prima è finalizzata a studi indagini e valutazioni compresi l’acquisizione e l’interpretazione di dati sismici per una lunghezza di 15 chilometri - si legge nel documento -, mentre la seconda risulta subordinata alla conferma, da parte degli esiti della prima fase, della presenza di situazioni geominerarie meritevoli di approfondimento con la previsione eventuale della perforazione di uno o due pozzi esplorativi». 
Dalla Regione anche delucidazioni sulla procedura della Valutazione di impatto ambientale: 
«La prima fase del programma di lavori è esclusa da Via, in quanto non prevede impatti significativi sul territorio come da decreto regionale 1256 del 2012. Infatti gli studi e le valutazioni necessarie saranno condotte mediante l’elaborazione delle informazioni oggi reperibili anche presso precedenti operatori minerari, mentre l’indagine geofisica, qualora si rendesse necessaria, sarà effettuata con il metodo “vibroseis” senza movimenti di terra e senza l’utilizzo di esplosivi per energizzare il terreno». Lo stesso decreto regionale esclude da ogni attività d’indagine le aree dei parchi regionali e dei siti di interesse comunitario presenti all’interno del perimetro del permesso di ricerca.
 Neanche a dirlo, VIVERE Cernusco è contrario a ogni possibile sfruttamento estrattivo che possa situarsi sul nostro comune o quelli limitrofi. La Martesana è un luogo a vocazione residenziale e lavorativa che nel corso dei secoli ha saputo strutturarsi con aree di tutela del verde e spazi per la vita. Attività di tipo estrattivo comporterebbero uno stravolgimento innaturale per l'intero ecosistema.

sabato 5 ottobre 2013

Colombo e Zecchini intervistano gli autori del libro "La democrazia dei corrotti"

Venerdì 11 settembre alle ore 18.00 presso la sala consiliare di Cernusco sul Naviglio, il presidente del Consiglio Comunale Fabio Colombo e l'assessore alle culture Rita Zecchini intervisteranno gli autori del libro
"La democrazia dei corrotti": W.Mapelli (sostituto procuratore di Monza, coinvolto nel processo a F.Penati) e G.Santucci (giornalista del Corriere della Sera).

Al termine, rinfresco con i prodotti di Libera Terra e contivati da cooperative sociali su terreni confiscati alle mafie, a cura di Coop Lombardia - comitato soci di Zona Vignate

La Democrazia dei corrotti
Prostitute, automobili di lusso, barche per le vacanze, assicurazioni sulla vita, ristrutturazioni edilizie, finte consulenze, rate del mutuo o dell’affitto. Così si pagano i corrotti, oggi. A vent’anni dalla stagione di Mani pulite, la “tangente”, in Italia, non è scomparsa: ha semplicemente assunto altre forme e trovato nuovi canali per circolare come e forse più di prima. Un male che divora 60 miliardi di euro l’anno. Una patologia che ha raggiunto dimensioni inquietanti e una diffusione capillare, coinvolgendo sempre più categorie di professionisti, dai piccoli imprenditori edili agli assessori comunali, dai negozianti ai giudici di provincia. È questo il sistema gelatinoso delle cricche moderne. Una complicata rete di illegalità che Walter Mapelli, magistrato da anni all’inseguimento di fondi neri attraverso i paradisi fiscali di tutto il mondo, e Gianni Santucci, giornalista del “Corriere della Sera”, hanno messo a nudo per denunciare lo stato della nostra democrazia. Una degenerazione ormai radicata nel tessuto sociale e che interessa tutti, impoverendo il Paese come un parassita e azzerando meritocrazia e competitività. E che va combattuta, partendo da una reale riforma delle istituzioni e del sistema legale.


venerdì 4 ottobre 2013

13 ottobre: gita a Fontanellato con Futura e incontro con don Sandro Spinelli

Associazione Culturale FUTURA
dalla Rocca Sanvitale... all'eremo di don Sandro Spinelli

Domenica 13 ottobre 2013

Programma
Ore 8.00: partenza dal parcheggio di via Visconti
Ore 09.45: arrivo a FONTANELLATO.
Ore 10.00: ingresso alla Rocca Sanvitale, un’imponente fortezza eretta nel XIV secolo su un preesistente edificio del XII secolo.

Sottoposta a numerosi restauri, nel corso dei secoli è stata trasformata da fortezza difensiva a residenza dei nobili Conti Sanvitale che l’hanno poi abitata per circa sei secoli. Ha pianta quadrata con muri merlati e quattro torri angolari ed è tutt’oggi circondata da un ampio fossato alimentato un tempo dall'acqua prodotta da una risorgiva e risistemato all'inizio del XVII secolo dall'architetto parmense Smeraldo Smeraldi; l'entrata sul cortile interno avviene attraverso un ponte levatoio.
Ore 12.30: pranzo presso il ristorante “ La Trinità “

Ore 15.00: con il pullman proseguiamo verso Varone, nel cuore dell'appennino parmense, dove raggiungeremo l'eremo di don Sandro.

Ore 17.00: Partenza per Cernusco s/n

Costo 45 euro

(40 euro ragazzi inferiori a 16 anni)

(acconto di Euro 10,00 all’atto dell’iscrizione non rimborsabile )

La quota comprende:

pullman GT, visita guidata alla Rocca Sanvitale, pranzo presso il ristorante “ la trinità “.
iscrizioni ed informazioni:
Teresa 02 9240189; Lucia: 02 9245468; Donato: 02 92111076
e-mail : associazioneculturale.futura@virgilio.it

giovedì 19 settembre 2013

Trivelle in Martesana?

Dopo le indiscrezioni di stampa il Consigliere Regionale del Patto Civico, Paolo Micheli, anche su invito di VIVERE Cernusco e delle liste CIVES, ha presentato un’interrogazione per avere spiegazioni dall’assessore all’ambiente.

Ecco cosa scrive sul suo blog:

In merito alla ventilata ripresa del progetto “Melzo” per la ricerca di gas metano nei comuni della Martesana ho presentato un’interrogazione per avere spiegazioni dall’assessore all’ambiente.
Considerato che i tempi di avvio delle operazioni paiono molto rapidi e che la vicenda interessa un’area a forte densità abitativa, con la presenza di ben tre Parchi regionali e diversi Parchi locali di interesse sovracomunale, vogliamo innanzitutto chiarezza.
Il documento, in particolare, chiede conferma e, nel caso, delucidazioni sui motivi che avrebbero spinto Regione Lombardia a non richiedere la valutazione di impatto ambientale anche per la fase di indagine geofisica.
Vogliamo conoscere i dettagli di questa scelta, che certo non sembrerebbe andare nella direzione auspicabile, e per noi imprescindibile, di una prioritaria tutela del territorio.
L’interrogazione chiede infine se e come Regione Lombardia intenda fornire le necessarie rassicurazioni alla popolazione sui potenziali rischi per la salute e per l’ambiente che studi e trivellazioni possono comportare.
Vediamo cosa ci dicono e, nell’attesa, vigiliamo.

venerdì 13 settembre 2013

Cernusco all'avanguardia nelle politiche sociali: sabato 21 una tavola rotonda sul reddito di cittadinanza

9 anni fa il distretto 4 dell'ASL MI2 a cui aderisce Cernusco, ha dato vita ad un progetto molto innovativo, sperimentando l'introduzione di una sorta di Reddito di cittadinanza selettivo. In questi anni il progetto non è mai stato interrotto e si è sviluppato adeguandosi alle nuove necessità sociali.

Reddito minimo o reddito di promozione sociale:
nove anni di sperimentazione per un intervento sociale di inclusione


Interverranno:
Silvia Ghezzi, presidente dell’assemblea dei Sindaci, Distretto 4 ASL MI2
Massimo Molgora, responsabile Ufficio di Piano, Distretto 4 ASL MI2
Roberto Codazzi, coordinatore progetto Reddito di Promozione Sociale
Francesco Giubileo, ricercatore Università Milano – Bicocca

lunedì 9 settembre 2013

22 settembre: gita a Chioggia con Futura

Associazione Culturale FUTURA

Domenica 22 settembre 2013

Programma
Ore 06.30: partenza dal parcheggio di via Visconti

Ore 10.00: arrivo a Chioggia, tipica cittadina di pescatori, è una delle 40 isole della laguna veneta. Il centro storico di Chioggia presenta un fascino particolare e inizieremo la visita con una passeggiata lungo il Corso del Popolo dove si affacciano i palazzi più monumentali e varie chiese, come la barocca S. Andrea con il campanile romanico, la chiesa di S. Giacomo progettata nel 1742 , l’oratorio gotico di S. Martino, uno degli edifici più caratteristici e pregevoli del patrimonio artistico della città e il Duomo opera di Baldassare Longhena. La visita prosegue con il Canal Vena, punto più pittoresco della città su cui si affaccia l'Antico Granaio e la pescheria e termina con Ponte Vigo, elegante ponte fronte laguna. Dalla Piazzetta Vigo, dall'alto di una colonna domina l'antistante bacino lagunare un leone marciano, emblema della Serenissima Repubblica, meglio noto come "EL GATO DE CIOSA" per le ridotte dimensioni.

Ore 12.30: pranzo in libertà

giovedì 18 luglio 2013

Pagamento TARES, possibile anche il pagamento con bonifico a Cernusco sul Naviglio

A differenza da quanto indicato sugli avvisi di pagamento in arrivo presso le case cernuschesi in questi giorni la prima e seconda rata delle Tares, la nuova tassa sui rifiuti che ha sostituito la vecchia Tarsu, si potrà pagare anche con un bonifico bancario effettuato sul conto corrente della tesoreria comunale utilizzando l’IBAN IT 83 H 05696 32880 000010000X14 e la causale “PAGAMENTO TARES 2013 - rata n. ...”.

La prima e seconda rata potranno essere pagate anche in un’unica soluzione sempre attraverso bollettino postale, bonifico bancario o modello F24 (cod. ente C523 - cod. tributo 3944). Non sarà ritenuto valido il pagamento effettuato ma non pervenuto a causa di errori nell’indicazione del codice ente/codice tributo.

La prima rata scade il 27 luglio e i contribuenti che, in prossimità della data di scadenza, non avessero ancora ricevuto gli avvisi di pagamento sono invitati a rivolgersi agli sportelli della Cernusco Verde (via Neruda 1A) nei seguenti orari:

LUNEDì - MERCOLEDì - VENERDì ore 8.00 - 12.00
MARTEDì - GIOVEDì ore 14.00 - 17.00

martedì 9 luglio 2013

Raccolta dei rifiuti: Cernusco si conferma un Comune Riciclone.

A stabilirlo l’annuale rapporto di Legambiente “Comuni Ricicloni” presentato oggi a Roma che, dal 1994, verifica gli sforzi compiuti dai Comuni per avviare e consolidare la raccolta differenziata dei rifiuti. Per Cernusco sul Naviglio la percentuale di raccolta differenziata si mantiene al 66%, così come un anno fa, ma le prospettive di miglioramento non mancano.

Cernusco é un buona città riciclona, addirittura tra le prime a livello regionale per alcuni indicatori, ma con risultati ormai costanti anno dopo anno.

In provincia di Milano Cernusco resta la città con più di 30.000 abitanti che ricicla di più e si conferma anche nella “Top Ten” dei Comuni, sempre della provincia, dai 10.000 abitanti in su. Se si considerano, invece, tutte le città lombarde con più di 30.000 abitanti Cernusco è la terza, dopo Crema e Brugherio mentre tra quelle di pari o superiori dimensioni dell’intero nord Italia occupa l’11esima posizione.

Qui trovate il dossier completo di Legambiente

lunedì 8 luglio 2013

Proposta di legge popolare "Rifiuti Zero" si può firmare in comune a Cernusco

Il Comitato promotore nazionale per la proposta di Legge di Iniziativa Popolare Rifiuti Zero – Zero Waste è oggi composto da circa duecentocinquanta organizzazioni in diciotto regioni diverse con associazioni nazionali importanti, come Rete Zero Waste Italy (a servizio dei Comuni e dei comitati Rifiuti Zero locali) - Associazione Comuni Virtuosi (che rappresenta quasi un centinaio di Comuni italiani) – ANPAS (Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze) – ATTAC Italia e Re:Common (reti alternative al liberismo), ed altre Reti e Coordinamenti regionali e Comitati ed Associazioni locali che insieme hanno costituito il primo nucleo titolare della proposta di legge stessa.

La proposta di legge è riassumibile in questi punti:
  1. Promuovere e incentivare anche economicamente una corretta filiera di trattamento dei materiali post-utilizzo
  2. spostare risorse dallo smaltimento e dall’incenerimento verso la riduzione, il riuso e il riciclo
  3. contrastare il ricorso crescente alle pratiche di smaltimento dei rifiuti distruttive dei materiali
  4. ridurre progressivamente il conferimento in discarica e l'incenerimento
  5. Sancire il principio “chi inquina paga” prevedendo la responsabilità civile e penale  per il reato di danno ambientale
  6. Dettare le norme che regolano l'accesso dei cittadini all'informazione e alla partecipazione in materia di rifiuti
  7. Introdurre forme di cooperazione tra Comuni per la raccolta porta a porta e la filiera di trattamento al fine di sviluppare l'occupazione locale in bacini di piccola-media dimensione, che favoriscano le attività di produzione e commercializzazione di materiali e prodotti derivati da riciclo e recupero di materia.
 La battaglia per la riduzione dei rifiuti è da sempre uno dei punti qualificanti della proposta politica di VIVERE Cernusco, è per questo che aderiamo e invitiamo a firmare per la presentazione della legge (che è visionabile per intero qui). Presso gli uffici comunali è possibile firmare per l'iniziativa "Legge Rifiuti Zero"

sabato 15 giugno 2013

La presentazione di Bolle di Mattone a Cernusco

Ecco il video integrale, o quasi, della presentazione del libro Bolle di Mattone di Mario de Gaspari organizzata da VIVERE Cernusco lo scorso mese.
Interventi di

  • Roberto Cancellara, architetto e referente all'interno della lista civica per il tavolo di lavoro sul territorio, 
  • Mario de Gaspari, già sindaco di Pioltello e consigliere provinciale, 
  • Giordano Marchetti, vicesindaco e assessore al territorio di Cernusco sul Naviglio,
  • Arturo Calaminici, consigliere provinciale e presidente dell'associazione Amici Parco Nord. 

giovedì 13 giugno 2013

Premiata la buona politica dell'amministrazione di Cernusco e il suo PGT

Martedì 11 giugno l'Amministrazione Comunale di Cernusco è stata premiata nel corso della seduta del Consiglio Regionale.
Il premio per "La buona politica", assegnato su proposta del consigliere della Lista Ambrosoli Paolo Micheli, è stato consegnato al sindaco Eugenio Comincini con la seguente motivazione: "per il suo impegno per la tutela del territorio comunale e per aver favorito la partecipazione attiva dei cittadini”.
Il Sindaco e il vicesindaco Giordano Marchetti sono stati anche ricevuti dal Presidente del Consiglio Regionale Raffaele Cattaneo, al quale hanno donato un libro sulla nostra città.
Tutto il gruppo di VIVERE Cernusco è particolarmente orgoglioso di questo riconoscimento, che premia l'impegno che la nostra lista ha sempre avuto su questi temi, impegno che ha avuto modo di concretizzarsi quando, giunti al governo della città, abbiamo avuto dal Sindaco le deleghe alla Gestione del Territorio e alla Partecipazione.
Il Piano di Governo del Territorio, elaborato ed approvato nel nostro primo mandato, è davvero innovativo, con scelte volte a contenere il consumo del suolo, bene comune non riproducibile, ma anche a valorizzare il verde agricolo, ad incentivare il risparmio energetico, a tutelare i beni storici della città.
Il percorso che ha portato alla sua costruzione ha visto la nostra maggioranza unita su queste linee guida, ma un grazie particolare va ovviamente al nostro assessore Marchetti che, con la sua delega alla Gestione del Territorio, ha svolto un grande e prezioso lavoro; il risultato di questo lavoro è un PGT che continua a ricevere riconoscimenti sia in ambito universitario che istituzionale, un PGT che, crediamo, può davvero essere considerato un modello per lo sviluppo sostenibile di una città.



Ecco un passaggio del discorso di Eugenio Cominicini, disponibile integralmente qui:

Il secondo tema che voglio porre all’attenzione di voi tutti Consiglieri regionali è quello di una legge sulla compensazione ambientale (o ecologica) preventiva. Da tempo giace in Regione una proposta di legge di iniziativa popolare, promossa da Legambiente, tesa a formulare nuove norme che permettano di utilizzare questo strumento come principio per una pianificazione urbanistica sostenibile. Il nostro PGT, come accennavo sopra, ha formulato delle norme al riguardo, che – lo voglio sottolineare – nonostante la loro rigorosità non sono state oggetto di alcun ricorso al TAR e che quindi sono vigenti. È però necessario che tale tema non resti una isolata buona pratica, ma diventi norma cogente per tutti i Comuni lombardi e possa divenire esempio per altre Regioni italiane.
Se questo Consiglio regionale – avendo deciso di valorizzare le esperienze di “buona politica” affinché queste testimonianze diventino patrimonio comune e contribuiscano a rinsaldare il legame tra i cittadini e le Istituzioni – vorrà con coraggio procedere sulla strada di elaborare nuove leggi che vadano nella direzione di una maggiore tutela del territorio e dell’ambiente, sappia che troverà certamente il consenso dei cittadini che ormai da tempo hanno sviluppato una forte attenzione a questi temi. Il percorso non è semplice, ma – come diceva Mao – “le lunghe marce cominciano dai primi passi”.

mercoledì 12 giugno 2013

Intervista ad Alessandro Braga, ospite a Cernusco il 18 giugno

Riportiamo qui l'intervista ad Alessandro Braga, autore del libro KM 158, dedicato alla lotta per il lavoro dei dipendenti della Jabil di Cassina de' Pecchi. Il giornalista di Radio Popolare sarà ospite di VIVERE Cernusco e delle liste civiche CIVES per parlare di lavoro e di impegno dei comuni martedì 18 giugno a Cernusco.

Come è nata l’idea del libro? Il libro è nato da una chiamata di Stefano Milani, uno dei soci della Round Robin Editrice: voleva aprire una collana di giornalismo territoriale e voleva sapere se avevo qualche idea. Subito mi è venuta in mente la vicenda della Jabil, a mio avviso emblematica di quello che succede agli operai in Italia in questi tempi di crisi.
Come lo hai strutturato? Il libro l’ho costruito mettendo insieme parti più cronologiche, sulla storia della fabbrica, a parti più narrative, come la giornata di tentato sgombero del presidio.
Come ci hai lavorato? Conoscevo la vicenda Jabil avendola seguita per radio Popolare quindi non ci ho messo molto tempo: ho messo insieme documentazione dei sindacati, in particolare la Fiom, con articoli miei o di altri colleghi nel corso degli anni. Infine, sono andato più volte al presidio per parlare coi lavoratori e le lavoratrici in lotta.
Perché questo titolo? Km 158 è il chilometro della strada padana superiore dove c’è il presidio, a Cassina de’ Pecchi.

domenica 9 giugno 2013

Il lavoro che scappa dalla Martesana. Incontro martedì 18 giugno.

Alessandro Braga, giornalista di Radio Popolare, ha appena scritto un libro dal titolo evocativo: KM158. Jabil, la fabbrica dimenticata.  Si tratta della ricostruzione dei fatti, del racconto dei protagonisti, di una vicenda emblematica nel mondo delle fabbriche italiane, quella della Jabil, a Cassina de’ Pecchi, vicino a Milano, ma, con il cuore, vicino alle tante realtà simili sparse in tutta Italia.

Le liste civiche che aderiscono a CIVES vogliono prendere spunto da questo caso molto vicino alle nostre vite per provare a riflettere su che ruolo possono e devono giocare i comuni nella gestione della crisi economica che ormai assume segnali di cronicità.

Appuntamento per martedì 18 giugno, alle ore 21, presso la biblioteca Lino Penati di Cernusco sul Naviglio - sala Camerani, in via Fatebenefratelli, per discutere con l'autore Alessandro Braga, i lavoratori della Jabil, in presidio da oltre due anni, con il consigliere regionale Paolo Micheli e con tutti i cittadini che vogliono provare a riflettere sul tema.


mercoledì 5 giugno 2013

1° Giro Ciclistico Parco PLIS delle Cave - 9 giugno 2013 h 9.15 Carugate / Cernusco sul Naviglio

Per riscoprire insieme le vecchie strade vicinali e campestri in un contesto naturale unico; per chiedere alle Amministrazioni di proseguire con decisione nella tutela e nel ripristino di un patrimonio ambientale prezioso per tutti i cittadini.
 
Il gruppo di Cernusco del WWF Martesana si unisce alla XV Biciclettata di Primavera organizzata dal Comune di Carugate, che quest'anno si snoda su un percorso tutto interno al PLIS (Parco Locale di Interesse Sovracomunale) Est delle Cave, nei comuni di Cernusco, Carugate e Brugherio nel
"1° Giro Ciclistico Parco PLIS delle Cave".

Domenica 9 Giugno 2013
Cernusco sul Naviglio: - h 9.15 - Ritrovo sul Piazzale antistante la Scuola Elementare Manzoni, in Via Napo Torriani ang. Via Manzoni Partenza h 9.30

Mentre, da Carugate, il ritrovo sarà al parco antistante il Carosello, per arrivare alla Azienza agricola Rolla, da Cernusco si partirà un quarto d'ora prima (h 9.30), per riunirci a loro alla Cava dei Pescatori. Il rientro potrà avvenire presso il Campo da Rugby di via Buonarroti, in concomitanza con l'arrivo della biciclettata dell'AVIS.

Il percorso si snoderà prevalentemente su strade sterrate, per una lunghezza di circa 8/10 km: si consiglia pertanto di utilizzare biciclette ed abbigliamento adatti e di portare i bambini di età inferiore a 9 anni nei seggiolini.

Non è prevista, per quest'anno, l'iscrizione formale dei partiecipanti.

lunedì 3 giugno 2013

Grazie alle oltre 130 persone intervenute alla Festa sull'Aia

Ieri, con la prima domenica di bel tempo di questa strana primavera, si è tenuta la Festa sull'Aia, tradizionale appuntamento di VIVERE Cernusco per condividere con i simpatizzanti una giornata nella natura.
Vogliamo ringraziare le oltre 130 persone intervenute, l'azienda Agricola Corbari per l'ospitalità e Arnaldo e Nando che hanno tenuto un'interessante lezione di apicultura a tutti i bambini, e non solo, presenti.

giovedì 30 maggio 2013

Risposta all'interrogazione sul tema del lavoro

Durante il Consiglio Comunale del 22 aprile 2013 il capogruppo di VIVERE Cernusco aveva presentato un'interrogazione sul tema dell'inserimento lavorativo che potete leggere qui in versione integrale.
Sul sito del comune di Cernusco è possibile leggere la risposta integrale del sindaco. Riportiamo qui alcuni passaggi alternando con le richieste del consigliere.

Dal 20/3/2012, però, una delibera di Giunta Regionale non prevede più la possibilità che tra gli enti promotori di tirocini extracurriculari, quali quelli promossi dal Servizio Inserimenti Lavorativi del nostro comune, vi siano gli enti locali
  • Come intende procedere la nostra Amministrazione per il mantenimento del Servizio di Inserimento Lavorativo?
    Il Sindaco ha precisato che un allegato alla DGR n. 4561 del 18 aprile 2007 prevede l'autorizzazione di diritto per i Comuni in forma singola o associata ad attivare tirocini extracurriculari
       .
  • Si sta valutando l’opportunità di agire in accordo con i comuni del distretto per dar vita ad un unico servizio di inserimento lavorativo? E, in tal caso, si sta procedendo ad una valutazione dell'efficacia di intervento e delle competenze in capo alle principali agenzie presenti sul territorio?

venerdì 24 maggio 2013

Domenica 2 giugno torna la Festa sull'Aia

Domenica 2 giugno ci troviamo all'Azienda Agricola Corbari per una Festa sull'aia. Una giornata da passare insieme in mezzo al verde, un'occasione per stare in compagnia, parlare e condividere idee e proposte per la nostra città. Per prenotazioni 339.6895402 - 333.3666811


Per un pugno di euro. Quanto guadagnano i rappresentati di VIVERE Cernusco in comune?

In questo periodo triste e confuso, dove la politica sembra ridotta a un tragico spettacolo in cui due capopopolo, entrambi milionari, entrambi avvezzi al palcoscenico, si fanno beffe dei problemi dell’Italia, fingendo però, da bravi attori, di preoccuparsene moltissimo…, ci sono ancora persone che, quotidianamente, svolgono il loro “servizio” politico, senza tornaconto di immagine, né tantomeno economico.
Sono i tanti amministratori locali che ogni giorno “ci mettono la faccia”, oltre che il loro tempo e il loro impegno al servizio della comunità in cui operano. Avranno il loro tornaconto, pensano i più, intossicati da un populismo che, strumentalmente, urla che i politici sono tutti uguali e la politica una cosa sporca.
Intanto noi, come tanti altri amministratori comunali, alle prese con i tagli dello Stato e la tenaglia del Patto di Stabilità, continuiamo il nostro impegno quotidiano, …per un pugno di euro.
Chi ce lo fa fare? È nostro dovere - diciamo anche noi con la Presidente della Camera Laura Boldrini – per l’impegno che abbiamo preso con i nostri concittadini. E, nel nostro piccolo, per sgomberare il campo da ogni confusione costruita ad arte, iniziamo la nostra operazione trasparenza, informando i cernuschesi delle cifre reali percepite dai nostri rappresentanti nell’Amministrazione Comunale i quali, è importante specificare, hanno anche sempre rinunciato a chiedere qualsiasi forma di rimborso per spese sostenute durante il loro mandato.

Ricordiamo inoltre che VIVERE Cernusco, essendo un movimento locale e non un partito nazionale, non riceve alcun finanziamento pubblico, ma si regge solo sui contributi dei simpatizzanti, i gettoni di presenza dei suoi consiglieri e, da quando è al governo della città, anche sulle indennità dei suoi assessori: questi sono gli unici fondi con cui sosteniamo le spese per le iniziative pubbliche e la stampa di questo giornale.

Ecco quindi quali sono i nostri guadagni economici derivanti dall'impegno in Giunta e Consiglio Comunale:

martedì 21 maggio 2013

Precisazioni sul rinvio del pagamento dell'IMU

Il Consiglio dei Ministri in data 17 maggio 2013 ha emanato un decreto legge, in corso di pubblicazione sulla G.U., con cui è stato stabilito, nelle more di una complessiva riforma della disciplina dell’imposizione fiscale sul patrimonio immobiliare, la sospensione del pagamento della prima rata dell’IMU per le seguenti categorie di immobili:
  • Abitazione principale e relative pertinenze con esclusione degli immobili censiti nelle cat. catastali A/1, A/8 e A/9; 
Si fa presente che in base al regolamento Comunale di Cernusco sul Naviglio relativo all’applicazione dell’IMU sono considerate abitazioni principali i seguenti immobili:
- unità immobiliari e relative pertinenze, possedute a titolo di proprietà o usufrutto dai cittadini italiani residenti all’estero (AIRE), purché non locate;
- unità immobiliari adibite ad abitazione principale e relative pertinenze, di proprietà di anziani o disabili residenti in istituti di cura o case di riposo, purché non locate;
  • Unità immobiliari e relative pertinenze appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli istituti autonomi per le case popolari; 
  • Terreni agricoli 
  • Fabbricati rurali strumentali 
Si precisa che, nel caso in cui la riforma di cui sopra non venga approvata entro la data del 31 agosto 2013, si dovrà provvedere al pagamento della 1a rata IMU entro il termine del 16 settembre 2013; Per tutti gli immobili non ricompresi nelle categorie sopra citate la 1a rata IMU rimane fissata per il 17.06.2013

lunedì 20 maggio 2013

Intervista a Fabio Colombo: 300 giorni da presidente del Consiglio Comunlae

Sul numero di Maggio di Futura (disponibile qui) abbiamo pubblicato un'intervista al Presidente del Consiglio Comunale, esponente di VIVERE Cernusco, Fabio Colombo.

Trecento giorni da presidente del consiglio comunale
Obiettivi raggiunti e work in progress


Nel mio discorso d’insediamento mi ero impegnato a ricoprire la carica di Presidente del Consiglio con imparzialità, assicurando a tutti i consiglieri la possibilità di espletare al meglio il loro incarico. Per questo avevo espresso l’intenzione collaborare con i capigruppo, i consiglieri e il Sindaco, promuovendo interventi volti a incrementare la trasparenza e agevolare la partecipazione.
Il ruolo di Presidente del Consiglio non prevede infatti responsabilità amministrative (che competono a Sindaco e Giunta) ma prevede, fra l’altro, la responsabilità del buon funzionamento del Consiglio Comunale. Dal mio insediamento, oltre al lavoro in aula Spinelli, dove mi adopero per il rispetto delle regole e dei diritti di ogni consigliere, mi sono mosso su quattro fronti per raggiungere obiettivi in merito a trasparenza e partecipazione. A meno di un anno dalla mia elezione due obiettivi sono stati raggiunti e due, in elaborazione, lo saranno a breve.


Obiettivi Raggiunti

venerdì 17 maggio 2013

Rassegna Stampa: Parte dalla Martesana il progetto di un Patto Civico allargato su scala regionale

Cernusco in Folio ha dedicato ampio spazio alla serata organizzata dal coordinamento delle Liste Civiche CIVES con Umberto Ambrosoli.

AMBROSOLI: «ABBIAMO BISOGNO DI VOI,  SARETE LE NOSTRE ANTENNE SUL TERRITORIO»

Se ne è parlato martedì all’incontro organizzato dal Coordinamento delle liste ecologiste e solidali della zona. A fare gli onori di casa nella sala Felice Frigerio della Vecchia Filanda è stata Vivere Cernusco
POLITICA - C’è chi martedì ha sentenziato: «Non ha il killer instinct del politico di razza». E forse è anche e proprio per questo che Umberto Ambrosoli piace ai movimenti civici che stanno tentando di capire se possono trovare nell’avvocato milanese un referente che porti le loro istanze al Pirellone, seppur dai banchi dell’opposizione. Il tema dell’incontro organizzato alla Vecchia Filanda da Cives, il Coordinamento delle liste civiche ecologiste e solidali dell’Est Milano, era anche questo. 

Leggi tutto l'articolo.

giovedì 16 maggio 2013

Futura di Maggio 2013

Nelle scorse settimane è stato distribuito il numero di maggio 2013 del periodico di informazione di VIVERE Cernusco, Futura.

  • Al suo interno trovate:
  • Con CIVES più forza al nostro impegno
  • Scuola d'infanzia di via Buonarroti: sarà pronta a settembre la nuova sezione
  • Trecento giorni da presidente del Consiglio Comunale: intervista a Fabio Colombo
  • Per un pugno di euro: quando la politica è servizio. Quanto guadagnano i rappresentanti di VIVERE nelle istituzioni?
  • Ma quale federalismo? Comuni strozzati fra tagli e ingiuste gabelle
  • Quale futuro per il centro sportivo di via Buonarroti?
  • Dopo il successo del teatro civile sulla legalità, ecco le nuove proposte dell'associazione Futura

Puoi leggere il numero in pdf qui.


sabato 11 maggio 2013

Futura: Montagnana e Arquà Petrarca

MONTAGNANA e ARQUA' PETRARCA
Itinerario fra arte e storia in due dei borghi più belli d'Italia.
Domenica 26 Maggio 2013, l'associazione Futura organizza una gita a Montagnana e Arquà Petrarca (Padova).

Sono aperte le iscrizioni.



venerdì 10 maggio 2013

Rassegna Stampa: intervista a Mariangela Mariani

Cernusco in folio ha intervistato Mariangela Mariani, capogruppo di VIVERE Cernusco in COnsiglio Comunale.

Nella precedente legislatura era in giunta. In questa tornata, invece, siede dietro i banchi consigliari di maggioranza. Mariangela Mariani, oggi è la capogruppo di Vivere Cernusco.
Come è stato il passaggio da assessore a consigliera?
«È un’esperienza interessante, che offre opportunità d’azione diverse da quelle che avevo durante l’incarico di assessore. Un consigliere ha infatti un ruolo più politico: pur con lo spirito di squadra che ha sempre caratterizzato la nostra maggioranza, come consigliere posso evidenziare le sensibilità e le priorità del mio gruppo su tutta una serie di temi, sia con interpellanze che nei dibattiti in consiglio. Un assessore ha un ruolo più operativo e, in consiglio o in altre occasioni pubbliche, esprime proposte e pareri relativi solo ai contenuti delle sue deleghe».
Continua qui.

Presentazione del libro: Bolle di mattone il 23 maggio a Cernusco

Chi apre queste pagine ha in mano un libro prezioso. Il suo valore dipende non solo dalla qualità dell'analisi ma dal fatto che è raro poterla leggere in un testo rigoroso come questo. E' davvero povera la letteratura sulla rendita immobiliare, non solo nella ricerca teorica, ma nella pubblicistica corrente e ancor di più nel dibattito politico. Eppure, Mario De Gaspari dimostra che è la chiave analitica più efficace per comprendere l'incubazione della Grande Crisi, le attuali difficoltà ad uscirne, il ruolo inedito e perverso del sistema creditizio e soprattutto l'impatto di tutti questi fenomeni sulla decadenza italiana.

Inizia così la prefazione al libro Bolle di mattone di Mario De Gaspari, già sindaco di Pioltello che sarà ospite di VIVERE Cernusco il 23 maggio presso la sala Camerani della Biblioteca Civica (via Fatebenefratelli, Cernusco sul Naviglio), alle ore 21.00


Prendendo spunto da alcune analisi contenute nel libro, si parlerà di bolla immobiliare, dello stretto legame tra le politiche speculative urbane e la crisi che stiamo vivendo, delle responsabilità delle banche e della politica, di cosa si può fare per spezzare questo circolo vizioso che porta ancora a costruire case che poi restano invendute. Interverranno al dibattito Giordano Marchetti, assessore al Territorio del comune di Cernusco, e Walter Tocci, parlamentare e Direttore del Centro per la Riforma dello Stato.


Quella che stiamo vivendo non è la prima crisi economica che si annuncia con un crollo nella vendita delle case. Eppure, mentre il nesso tra la crisi e la finanziarizzazione del settore è in genere considerato casuale, in questo libro si dimostra che invece questo nesso è strutturale e necessario in un’economia prevalentemente speculativa. Allo stato attuale delle cose diventa urgente non solo evitare un ulteriore consumo di suolo, ma cessare la produzione di ulteriori diritti edificatori che non farebbero che allungare all'infinito i tempi di una possibile ripresa. I grattacieli in costruzione e i senzatetto accampati sotto i ponteggi dei cantieri testimoniano purtroppo di una consapevolezza non ancora raggiunta.

giovedì 9 maggio 2013

Ambrosoli e Liste Civiche: un possibile percorso comune

Grande successo per l’incontro di martedì sera a Cernusco sul Naviglio tra Umberto Ambrosoli e le Liste Civiche coordinate in CIV.E.S. (Civiche Ecologiste e Solidali) della Martesana: oltre 100 persone hanno partecipato per tre ore al dibattito tra l’ex candidato del centrosinistra alle ultime elezioni regionali e le liste Vivere Cernusco, Lista per Pioltello, Cologno Solidale e Democratica, Progetto Rodano, Insieme per Segrate, Insieme per Gorgonzola e Segrate Nostra, sui temi del territorio, della trasparenza, del lavoro, della legalità, che ha fatto emergere un possibile percorso comune tra Ambrosoli e CIV.E.S. per una nuova forma di partecipazione dei cittadini alla politica.

Disponibile il video della serata:


martedì 7 maggio 2013

L'importanza della cooperazione decentrata

Ecco il contributo del capogruppo di VIVERE Cernusco Mariangela Mariani sull'inserto di Fuori dal Comune in distribuzione in questi giorni, Filo diretto, dedicato ai gruppi consiliari.

L’importanza della Cooperazione decentrata
Anche con poche risorse si è fatto e si può fare molto

Durante il suo primo mandato il sindaco Comincini aveva affidato alla consigliera di Vivere Cernusco, Erica Spinelli, l’incarico per la cooperazione decentrata. Cernusco è una città che ha sempre avuto una profonda vocazione di solidarietà internazionale, con gruppi legati ai missionari cernuschesi o associazioni che sostengono progetti di cooperazione nel mondo. La nostra Amministrazione, riconoscendo questo patrimonio di persone e conoscenze, ha scelto quindi, fin dall’inizio del suo mandato, di destinare alla Cooperazione internazionale risorse specifiche. Queste risorse, benchè necessariamente ridottesi negli anni, a causa delle difficoltà di bilancio in cui i Comuni si sono trovati ad operare, sono state comunque salvaguardate, anche nel bilancio 2013 appena approvato, e continueranno quindi a sostenere progetti di sviluppo e a promuovere percorsi di educazione e formazione. L’esperienza del Comune di Cernusco nel campo della Cooperazione è diventata pilota in Italia, tanto da essere presentata in diversi convegni e all'interno di corsi universitari. Ricordiamo anche che il nostro Comune, vincendo un bando del Ministero delle Politiche Giovanili, è stato protagonista di un progetto che ha permesso a 49 ragazze e ragazzi di realizzare un viaggio di conoscenza e di volontariato nei Paesi legati ai progetti di sviluppo.

lunedì 29 aprile 2013

Una serata dedicata al Musical e ad Angelo Spinelli. Il 4 maggio a Cernusco.

Sabato 4 maggio '13, presso la Casa delle Arti, via De Gasperi, alle ore 21.00, si svolgerà lo spettacolo

ONE NIGHT ON BROADWAY

l'evento che, anche quest'anno, organizziamo a ricordo di ANGELO SPINELLI, del suo impegno culturale, sociale e politico per la nostra città. Attraverso canzoni che parlano d'amore, amicizia e impegno, tratte dai più famosi musical, un gruppo di giovani artisti, i PERFORMERS, diplomati alla BSMT di Bologna, la più importante scuola di musical in Italia, ci farà trascorrere una serata all'insegna della buona musica e della solidarietà.

In una dozzina di quadri verranno riproposti i brani piú celebri delle produzioni teatrali che hanno segnato la scena musicale di Broadway e Londra dagli anni '60 ad oggi: da "Hair" al "Rocky Horror Show", da "Jesus Christ Superstar" a "Grease", fino a “Notre Dame de Paris" e tanti altri.

Il ricavato della serata andrà a sostegno del progetto "Maison des Enfantes" a Bethania, vicino a Gerusalemme.


Il progetto:

mercoledì 24 aprile 2013

Viviamo il 25 aprile!

" La memoria non è prigione ma è libertà se rielabora i valori del passato nel presente, in vista del futuro. "

Ciao a tutti
ci vediamo giovedi 25 aprile, alle ore 10.30, ( ore 9.00 per chi vuole assistere alla messa), davanti al piazzale della chiesa, dove partirà il corteo per le vie del centro storico.
a presto... Donato

Anche quest'anno il 25 aprile Cernusco celebrerà la ricorrenza della Liberazione dell'Italia dal nazifascismo.

Questo il programma:

Ore 9.00: Santa Messa nella Chiesa Prepositurale di Santa Maria Assunta.
Ore 10.30: partenza corteo per le vie del centro storico, accompagnato dalla Banda de Cernusc. Piazza Martiri della Libertà: deposizione corona di alloro al monumento dei Caduti. Largo Riboldi - Mattavelli: deposizione corona di alloro al monumento dei Partigiani - Interventi delle Autorità.

martedì 23 aprile 2013

Servizi per il sostegno al lavoro: interrogazione

Durante il Consiglio Comunale del 22 aprile 2013 il capogruppo di VIVERE Cernusco Mariangela Mariani ha posto un'interrogazione al Sindaco Comincini sulla questione dei servizi di inserimento lavorativo. Ecco il testo completo:

Interpellanza in merito alla promozione di percorsi di integrazione lavorativa da parte del Comune di Cernusco s/N
Il Comune di Cernusco sul Naviglio ha al proprio interno un Servizio di inserimento lavorativo destinato a fornire appoggio alle persone con disabilità in cerca di occupazione. Tale Servizio oltre a fornire strumenti di orientamento e di ricerca attiva, sostiene un numero importante di percorsi di tirocinio presso aziende e cooperative del territorio.

Dal 2004 è attivo sul distretto di Cernusco il progetto “Reddito di promozione sociale”, gestito da CS&L Consorzio Sociale, orientato a fornire appoggio a disoccupati con problemi di disabilità, dipendenze, fragilità psicologica e sociale o in situazione di difficoltà economica.

Bilancio 2013: intervento del capogruppo di VIVERE Cernusco

Settimana scorsa il consiglio comunale ha votato con 11 voti a favore e 4 contro l'approvazione del bilancio 2013 di Cernusco sul Naviglio. Si è trattata di un'operazione tutt'altro che semplice poichè lo Stato ha cambiato più volte le carte in tavola tagliando trasferimenti agli enti locali e pretendendo maggiori trasferimenti da questi all'amministrazione centrale.

Mariangela Mariani, capogruppo di VIVERE Cernusco, che ha votato a favore del bilancio, è così intervenuta in aula:

Esattori per conto dello Stato

Oggi 18 aprile siamo qui riuniti per deliberare in merito al bilancio di previsione 2013. È la prima volta, in 6 anni di governo, che la nostra Amministrazione è costretta ad approvare il bilancio preventivo nel mese di aprile. Normalmente l’approvazione avveniva entro dicembre dell’anno di esercizio precedente, almeno fino allo scorso anno, quando i continui mutamenti imposti dallo Stato alla finanza degli Enti Locali, ci avevano costretto ad approvare il bilancio 2012 a febbraio (in largo anticipo comunque sul termine ultimo, fissato al 31 marzo). Quest’anno la situazione è ulteriormente peggiorata, tanto che il termine per l’approvazione dei bilanci comunali è stato spostato a giugno. Il nostro comune ha deciso comunque di portarlo ora in votazione perché lavorare in esercizio provvisorio avrebbe significato, per buona parte dell’anno, non poter dare ai cittadini risposte adeguate in termini di opere e servizi.

venerdì 22 marzo 2013

"In altre parole: l’inizio del cambiamento e la fine del berlusconismo."

Appello per un Governo


Vogliamo che si realizzi un sogno! 
Siamo i militanti ed elettori di Liste Civiche che da molti anni operano negli ambiti locali, riconoscendosi nelle aree politiche ambientaliste, sociali e del centro sinistra. Siamo quella che molti amano chiamare “La società civile”. Molti di noi hanno votato centrosinistra, altri Movimento 5 Stelle. 
Ma ora siamo attoniti e stupiti! 
Una grande maggioranza di rappresentanti del popolo, eletti in parlamento, potrebbe convergere su alcuni punti programmatici fondamentali, in cui le nostre Liste si riconoscono pienamente. Legalità, lotta alla corruzione ed alla mafia, trasparenza, partecipazione, solidarietà, sostenibilità delle scelte economiche ed urbanistiche, taglio dei costi della politica e di privilegi inaccettabili e grande impegno per il lavoro, potrebbero finalmente diventare realtà. 
Al momento questo sembra, purtroppo, irrealistico. 
Bersani sta oggi cercando di proporre un governo di transizione a partire da questi punti e da una riforma del sistema elettorale, ma ha poche possibilità di successo. Sembra impossibile, infatti, trovare una via d’uscita per formare un governo malgrado sui singoli provvedimenti relativi a questi impegni ci potrebbe essere la convergenza di Centrosinistra e Movimento 5 Stelle con una larga base parlamentare. 
Questo è un sogno. 
Un sogno che crediamo ancora possibile e che ha già dato delle anticipazioni con l’elezione di Laura Boldrini e di Pietro Grasso alla Presidenza dei due rami del Parlamento. In altre parole: 
l’inizio del cambiamento e la fine del berlusconismo. 

Perché questo sogno si realizzi pensiamo che sia necessario una scelta nobile e generosa: Bersani, un uomo onesto ma che non è riuscito a vincere le elezioni, con spirito di sacrificio, dovrebbe lasciare la responsabilità di portare avanti questi punti programmatici ad una figura di grande spessore, indipendente, però, dagli apparati di partito. 
Questa persona si impegnerà a portare avanti il programma di governo proposto e che contiene quei punti che sono da sempre nelle aspirazioni di tante liste civiche come le nostre ma anche dentro il programma del Movimento 5 Stelle. 
Lasciamo quindi alle forze politiche la sciagurata responsabilità di rifiutare il cambiamento ed avviare il paese allo sfascio, ma vogliamo sperare che le molte persone oneste e cristalline che ci rappresentano in Parlamento non si assumeranno la responsabilità di una scelta così deleteria. 
Chi oggi rifiutasse, in nome di calcoli elettorali o di giochi di potere, questa concreta possibilità di dare corpo alle speranze di tanti, si renderebbe colpevole di gettare un sogno alle ortiche, nonché trascinarci tutti in un molto probabile disastro.

martedì 19 marzo 2013

Gelso d'Oro: l'intervento del Presidente del Consiglio Comunale Fabio Colombo

Giovedì scorso sono stati assegnati le onorificenze cittadine Gelso d'Oro. 
Ecco l'intervento di Fabio Colombo, presidente del Consiglio Comunale di Cernusco sul Naviglio:

Buonasera, 
condivido volentieri qualche breve pensiero in rappresentanza del consiglio comunale, la cui commissione ha designato i 4 gelsi d’oro, nell’ambito di una piu’ nutrita schiera di candidati. Anche quest’anno le benemerenze vengono riservate a persone di alto spessore e a volontari che si impegnano sul territorio. 
Ognuno di loro ci lascia elementi su cui riflettere. 
- Suor Noemi, che da sempre dedica la sua vita al prossimo, con coraggio, lontano da casa, in condizioni spesso difficili o pericolose, mettendo in pratica il comandamento “ama il prossimo tuo come te stesso”.

sabato 16 marzo 2013

Le foto di Cernusco in Festa

Tramite instagram e l'hastag #sgcernusco2013

Programma della festa di San Giuseppe a Cernusco

Qui l'opuscolo completo.

Con i consueti suoni e colori la Fiera di San Giuseppe, che quest’anno giunge al traguardo della 90^ edizione, torna ad animare la città con quattro giorni di appuntamenti da vivere tutti d’un fiato: concerti, giochi, teatro, mostre e fuochi d’artificio.

Sabato e domenica arriva il clou delle iniziative.
Alle 15 all’ex Filanda prende il via “L’Amministrazione in piazza”, l’appuntamento in cui Sindaco, Assessori e Uffici illustrano alla città i progetti ed i servizi presenti e futuri: come ogni anno sarà anche l’occasione per parlare direttamente con chi ci amministra. “L’Amministrazione in piazza” si concluderà alle 18.30 ma domenica sarà replicata, oltre che nel pomeriggio, anche al mattino dalle 9 alle 12.30. Negli stessi orari, sempre all’ex Filanda, si svolgerà la mostra “Arte e natura – due stili a confronto” con le sculture in legno dell'associazione Olmo d'Oro, di Natale Fossati e quelle in terracotta e bronzo di Enzo Secchi. Sempre sabato e sempre all’ex Filanda alle 16 si terrà l’intitolazione della Sala Conferenze al pittore della “Vecchia Cernusco” Felice Frigerio: a seguire "Fly me to the moon", i ricordi in musica degli anni '20 e '30 con alunni e docenti della Scuola Civica di Musica. In serata, alle 21, in piazza Unità d’Italia lo spettacolo piro-musicale “Music and fire”.

Domenica si torna in Sala Conferenze dell’ex Filanda dove alle 15.30 e alle 17.15 sono in programma le letture animate per bambini di “Ti racconto una storia” mentre alle 16.30 sarà presentato “Biblioteca 2.0: il lettore protagonista”, Biblioclick, il catalogo dei prestiti della biblioteca si rinnova completamente, con l’ingresso degli e-book. Dalle 9 alle 19 in via Lungo Naviglio, invece, spazio ai quadri dei pittori locali mentre alle 10 in piazza Unità d’Italia torna “Stradafacendo: divertirsi imparando” con il circuito modulare con semafori e segnaletica che i bambini potranno percorrere su miniauto ecologiche. Alle tutte queste iniziative organizzate da Villa Greppi si aggiungono, infine, quelle ideate dalle associazioni cernuschesi.

lunedì 11 marzo 2013

Associazione Futura organizza una gita a Verona

Domenica 24 marzo 2013
Programma
Ore 08.00: partenza dal parcheggio di via Visconti.
Ore 10.00: giro panoramico in autobus durante il quale si vedranno le Porte Rinascimentali, il Castello e il Ponte Scaligero, l’Arco dei Gavi, la porta Romana dei ‘Borsari’, il Ponte ed il Teatro Romano, gli esterni di varie chiese. La visita panoramica prosegue sul colle San Leonardo per la vista di Verona dall'alto. Al termine ritorno in città e, a piedi, raggiungiamo Piazza Bra e l'Arena.
Ore 13.00: pranzo in libertà
Ore 14.30: Si prosegue con l'itinerario visitando le Arche Scaligere, Piazza dei Signori, Piazza delle Erbe e naturalmente il Cortile di Giulietta per concludere con la visita della bellissima chiesa di Sant'Anastasia.
Ore 17.00: Palazzo della Gran Guardia. Ingresso alla mostra: “Da Botticelli a Matisse. Volti e sguardi” (Alcuni di questi quadri erano esposti anche a Vicenza, meta di una precedente gita)
Ore 18.30: Partenza per Cernusco s/n

giovedì 7 marzo 2013

Cultura da VIVERE

Da un gruppo persone, vicine per idealità e passione al nostro movimento, nasce, più di dieci anni fa, l’associazione culturale FUTURA. Scopo dell’associazione quello di promuovere nella nostra comunità cultura, solidarietà e crescita civile. Nascono così iniziative come le mostre fotografiche, le presentazioni di libri, le visite a mostre e città d’arte, gli spettacoli teatrali per riflettere su temi quali la memoria (Destinatario sconosciuto), la legalità (A cento passi dal Duomo), la migrazione degli italiani negli anni 50/60 (La turnàta), i concerti di musica classica e leggera (Rapsodja Trio, Quartetto classico, Vladimir Denissenkov,...), ed ogni anno, dal 2002, in prossimità del 25 aprile, le serate musicali o teatrali dedicate al ricordo di Angelo Spinelli. Il ricavato di queste serate è sempre stato destinato al sostegno di progetti di solidarietà internazionale, per ricordare e proseguire l’impegno di Angelo anche in questo ambito.

In questi 10 anni Futura ha sostenuto le attività di missionari e cooperanti cernuschesi in Africa, Asia e America Latina.

La città ha sempre risposto positivamente alle proposte dell’associazione e siamo sicuri che anche quelle di quest’anno incontreranno la simpatia e il consenso di tante persone.

Di seguito le prime due iniziative 2013 e il calendario degli appuntamenti da marzo a settembre. 

TEATRO CIVILE: Il prossimo 20 marzo, alle ore 21, presso la Casa delle Arti, appuntamento con lo spettacolo teatrale “Mafie in pentola”. Tiziana di Masi ci condurrà in un viaggio, anche gastronomico, tra le terre confiscate alle mafie, dove operano le cooperative dell’associazione Libera. Una serata per riflettere, sorridere, indignarsi, in prossimità del 21 marzo, data scelta come Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie, simbolo di una primavera che, purtroppo, nel nostro Paese tarda ancora a sbocciare.

Turismo culturale: La bella città di Verona è la meta della prima uscita culturale 2013 dell’associazione Futura; domenica 24 marzo i partecipanti alla gita visiteranno le principali bellezze storico artistiche della città e la mostra “Da Botticelli a Matisse, volti e sguardi”